Treccine con lo zucchero

Treccine con lo zucchero_La Gustona

 Ci sono sati periodi in cui tutto mi è sembrato remare contro, durante i quali ho dovuto trattenere il fiato a lungo. Se andate a rileggere l’augurio che mi ero auto-indirizzata il giorno del mio compleanno potete capire come mi sono sentita qualche mese fa e soprattutto come mi sento adesso che ho finalmente tolto quella maschera e respiro a pieni polmoni. Succede così: ad un certo punto tutto, inaspettatamente, magicamente e sorprendentemente contemporaneamente,  si incasella al posto giusto. Per fortuna sono passati anche i miei incubi ricorrenti e le corse affannose che avevo raccontato qui. E nonostante stenti a credere che possa esistere per me tanta felicità, non mi resta soltanto una cosa da fare: godermela… almeno finché dura!

 Oggi la mia è una ricetta molto semplice che molti potranno apprezzare ma che solo chi è siciliano come me può condividere fino in fondo. Le treccine con lo zucchero a me ricordano le colazioni prima della scuola, le merende con gli amici, le pause dallo studio farcite di Nutella o marmellata. Ogni panificio siciliano che si rispetti sforna treccine calde a qualsiasi ora, mi spiace solo non poter condividere con voi il profumo.

Questa ricetta è liberamente tratta da uno dei miei blog preferiti di dolci e salati lievitati, Anice e Cannella, che vi consiglio di sbirciare. Io in questo caso mi ritengo una mera esecutrice.

Ingredienti:

  • 500 gr farina manitoba
  • 75 gr zucchero
  • 5 gr sale
  • 65 gr di burro (la ricetta originale prevede lo strutto)
  • 20 gr di lievito di birra
  • 170 ml d’acqua
  • 170 ml di latte

DSC_0411 (2)

Ho impastato tutti gli ingredienti con la planetaria per 20 minuti, alla fine ho aggiunto il burro.

Ho fatto lievitare come descritto qui.

DSC_0413 (2)

Ho formato le treccine, ho spennellato con una miscela di latte e acqua e ho cotto in forno preriscaldato a 170° per 20 minuti.

DSC_0414 (2)

Appena sfornate ho spolverizzato con abbondante zucchero semolato.

DSC_0416 (2)

One Response

  1. Deborah
    Deborah 17 Settembre, 2014 at 22:41 | | Reply

    Hanno un bellissimo aspetto! Sicuramente sono anche molto buone! Un abbraccio

Leave a Reply